Archivio Articoli

UN GLOBO SEMPRE PIU’ PICCOLO MA ANCHE SEMPRE PIU’ COMPLESSO

Il libro di Manlio Dinucci, IL SISTEMA GLOBALE, ( ed. Zanichelli, 1998, 350 pagine, oltre 700 illustrazioni, L. 36000 ) può essere usato sia come testo di geografia economica nelle scuole superiori, sia quale materiale per corsi di tipo seminariale in contesti diversi da quello scolastico, a livello individuale od associativo.
Il volume Ë articolato in sei moduli, relativi ad altrettante aree tematiche:
MODULO A: DINAMICHE GEOECONOMICHE
( La globalizzazione dell’ economia; l’ indebitamento dei paesi in via di sviluppo; il crollo delle borse asiatiche… )
MODULO B: ECONOMIA E SOCIETA’
( La crescita dei divari socioeconomici; la globalizzazione della povertà; il ciclo della povert‡; una strategia globale per lo sviluppo; disarmo e sviluppo… )
All’ interno di questo modulo sono da segnalare le UNITA’ dedicate al lavoro infantile ed al problema alimentare.
MODULO C: TENDENZE DEMOGRAFICHE E URBANESIMO
( La storia delle migrazioni; l’ origine degli attuali flussi migratori; le dinamiche dei movimenti migratori intrnazionali; l’ immigrazione nella UNIONE EUROPEA… )
All’ interno di questo modulo una delle UNITA’ Ë dedicata agli insediamenti informali di Nairobi, alla bidonville di KOROGOCHO.

MODULO D: SVILUPPO DELLE COMUNICAZIONI
( Sotto il regno dell’ automobile; la necessit‡ di un rilancio della ferrovia nel sistema europeo dei trasporti; la societ‡ dell’ informazione; un diverso uso delle tecnologie della comunicazione e informazione… )

MODULO E: SCELTE ENERGETICHE
( I conflitti per il petrolio; la questione nucleare; il risparmio energetico… )

MODULO F: IMPATTO AMBIENTALE
(L’ alterazione dell’ atmosfera; la deforestazione… )


Ogni MODULO Ë aperto da una introduzione che traccia il quadro tematico generale ed Ë suddivisa in paragrafi che presentano i problemi nelle loro interdipendenze e implicazioni. Ogni introduzione a un modulo si conclude con una guida alla RICERCA SU INTERNET, in cui sono riportati gli indirizzi dei principali siti e gli itinerari per accedere a banche dati. Per sviluppare gli argomenti presentati nell’ introduzione ogni modulo Ë articolato in un numero variabile di UNITA’, che procedono ad analisi approfondite, supportate da grafici, cartine e fotografie.
Il volume Ë corredato dal DISCHETTO DELL’ EUROPA, una banca dati sull’ Unione Europea facilmente utilizzabile e riproducibile. Inoltre esso viene aggiornato via INTERNET con schede mensili, pubblicate nel sito http://www.zanichelli.it alla voce ìgeografiaî.
Il testo Ë stato pensato come uno strumento per creare una ì educazione civica planetaria î che, fondandosi sul terreno proprio della geografia economica, si pone alla confluenza tra geografia umana, scienze della terra, scienze sociali e storia. In questa fase di transizione la globalizzazione economica traccia una nuova geografia dove vengono abbattute le frontiere, affinchÈ capitali e produzioni possano circolare liberamente in tutto il mondo; nel contempo sorgono perÚ ì altre frontiere, invisibili ma non meno concrete, che escludono la maggioranza della popolazione mondiale dai benefici di quella crescita economica in gran parte costruita col suo lavoro. î
D’altra parte la conoscenza dei processi della vita sul nostro pianeta e delle interazioni fra attivit‡ umane e fenomeni ambientali non si Ë ancora tradotta ì in coscienza e volont‡ capaci di preservare il patrimonio naturale, che viene spesso usato come semplice bene di consumo. î
Pertanto in questo momento critico della storia umana ì occorrono nuove chiavi di lettura per comprendere il funzionamento del sistema globale, ossia delle pi˘ strette interrelazioni tra fattori economici, sociali, politici, culturali, tecnologici, demografici e ambientali su scala planetaria. î
[ dalla prefazione al volume ]

10/12/98
Intervista a Giovanna Bianchini, insegnante di Diritto e Economia in un istituto tecnico Padova:

Da quanto tempo adotta il libro di Dinucci “Il sistema Globale” ?
“Si tratta di un percorso che comincia dalla 3∞, destrutturando i canoni comuni dell’economia, si parla di globalizzazione per poi cominciare a far vedere come funziona la fabbrica mondiale e far vedere come tutto quanto ruota attorno ai mass media: siamo tutti cosÏ coinvolti nel sistema, non riusciamo a venirne fuori perchÈ i mass media ci bombardano continuamente. 
Nei due anni successivi si studiano i diritti umani; in 4∞ si parla di debito estero, durante i tre anni si usa il libro di Dinucci, un pezzo per anno. 
Alla fine si danno gli strumenti per decodificare una realt‡ che altrimenti non avrebbe possibilit‡ di essere decodificata, si danno gli strumenti per capire il domani; si guidano i ragazzi a conoscere il mondo del volontariato, Banca EticaÖ”
Ci sono state delle difficolt‡ e delle opposizioni da parte della scuola ?
“E’ stato faticoso, ci sono state opposizioni, basta fregarsene, lavoro da diversi anni, e sono da sola. Il libro di Dinucci Ë uno strumento gi‡ fatto, ci permette di documentare le cose che si dicono; i ragazzi e i genitori contestano perchÈ sembrano cose inventate, il grosso problema iniziale Ë che ci accusano che l’economia non Ë questa. Ma l’economia che si spiega dappertutto, quella dello scambio Ë un economia che non Ë pi˘ reale, ormai dall’inizio del novecento; invece bisogna capovolgere il punto di vista da cui partire, il libro di Dinucci mi ha permesso di dimostrare che l’economia Ë questa.”